Salta direttamente ai contenuti
Pulsante 118
Accesso Referti online Prenota un posto Amministrazione trasparente
Vaccinazione antinfluenzale
Vaccinazione antinfluenzale

VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE STAGIONE 2017-18

La circolare ministeriale per la prevenzione e controllo dell’influenza per la stagione 2017-18, stabilisce le strategie vaccinali previste per la prossima campagna.

Il vaccino antinfluenzale da utilizzare è così composto:
- antigene analogo al ceppo A/Michigan/45/2015 (H1N1) pdm09;
- antigene analogo al ceppo A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2);
- antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria)
il vaccino quadrivalente comprende anche:
- antigene  analogo al ceppo B/Phuket/3073/2013-like (lineaggio B/Yamagata/16/88)

Premesso che la vaccinazione è consigliata a tutta la popolazione, l’offerta attiva e gratuita comprende i soggetti appartenenti alle seguenti categorie:
                   
1) soggetti di età pari o superiore a 65 anni
2) soggetti  affetti da:
a) malattie croniche dell'apparato respiratorio (inclusa l’asma di grado severo, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la BPCO)
b) malattie croniche dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
c) diabete mellito ed altre malattie metaboliche (compresi gli obesi con BMI>30 e gravi patologie concomitanti)
d) insufficienza renale cronicae) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
f) tumorig) malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIVh) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale) patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
j) malattie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (es malattie neuromuscolari)
k) epatopatie croniche
3) bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
4) donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
5) individui di qualsiasi età ricoverati in strutture per lungodegenti
6) medici e personale sanitario di assistenza
7) familiari e contatti di soggetti ad alto rischio
8) soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo: forze di polizia, vigili del fuoco, forze armate, polizia municipale, personale della protezione civile, addetti poste e telecomunicazioni, volontari servizi sanitari di emergenza, personale di assistenza case di riposo, personale di asili nido e  scuole dell’obbligo
9) personale che, per motivi occupazionali, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani: allevatori e addetti alle attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari.


OBIETTIVO DELLA CAMPAGNA È LA VACCINAZIONE DI ALMENO IL 75% DEGLI ULTRA 65ENNI E DEI SOGGETTI DELLE ALTRE CATEGORIE

Per la campagna 2017-18,  in una prima fase, si procederà alla consegna per ogni medico di un numero di dosi pari a quelle effettuate lo scorso anno. Poiché però è necessario aumentare le coperture vaccinali, è possibile richiedere ulteriori dosi dopo l’esaurimento di quelle consegnate.

I vaccini disponibili sono i seguenti:
a) VACCINO SPLIT/SUB UNITA’ TRIVALENTE da utilizzare solo per bambini tra 6 e 36 mesi
b) VACCINO SPLIT/SUBUNITA' QUADRIVALENTE per i soggetti di età superiore a 3 anni
c) VACCINO ADIUVATO MF59 per i soggetti di età superiore a 70 anni o per i soggetti tra 65 e 70 anni che, a giudizio del medico, necessitino di vaccino ad immunogenicità potenziata.



Il periodo ottimale per la campagna vaccinale è quello tra la metà di ottobre e la fine di dicembre, tuttavia è possibile vaccinare anche in seguito, in considerazione dell’epidemiologia dell’influenza stagionale

Si ricorda inoltre di:
- tenere nota della tipologia e lotto di vaccino somministrato ad ogni paziente
- inoltrare al servizio di Farmacovigilanza della ex ASL 11 la segnalazione di qualsiasi evento avverso insorto a seguito della vaccinazione


MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE
Modelli da compilare
- report finale influenza (per tipologia di vaccino) – modello ministeriale SCARICA IL MODULO
- modulo allegato A SCARICA IL MODULO
- elenco nominativo dei soggetti vaccinati contenente nome e cognome e codice fiscale - indispensabile per procedere al pagamento

I rendiconti dovranno essere consegnati o trasmessi per mail a:
- dr Arturo Intelisano (distretto Castelfranco di Sotto) arturo.intelisano@uslcentro.toscana.it
oppure
- dr Paolo Filidei (Igiene Pubblica – via dei Cappuccini) paolo.filidei@uslcentro.toscana.it
oppure
- dr Giovanni Guerri (Igiene Pubblica – via dei Cappuccini) giovanni.guerri@uslcentro.toscana.it

I PEDIATRI CHE REGISTRANO SU SISPC SONO ESENTATI DALL'INVIO

VACCINAZIONE ANTI PNEUMOCOCCO
In base al Piano Nazionale Vaccini 2017-19 la vaccinazione è offerta ai soggetti con patologie a rischio e, per l’anno 2017, ai nati nel 1952. Il vaccino è co-somministrabile con l’anti influenzale.


VACCINAZIONE ANTI HERPES ZOSTER
In base al Piano Nazionale Vaccini 2017-19 la vaccinazione è offerta ai soggetti di 65 anni e quindi, per l’anno 2017, ai nati nel 1952. La vaccinazione può essere effettuata presso i centri vaccinali previa prenotazione CUP, o dal MMG che può richiedere dosi per singoli pazienti. Il vaccino è co-somministrabile con l’anti influenzale.



Termine ultimo per la rendicontazione è il 15 febbraio 2018